Statuto e Regolamento

STATUTO

CAPO I

DISPOSIZIONI GENERALI

Art. 1 - Costituzione e denominazione

L’Arciconfraternita di Misericordia ed Istituzioni Riunite in Siena, nel prosieguo denominata Arciconfraternita – già eretta in Ente morale con Sovrano Rescritto del 29 marzo 1833, e riconosciuta Istituzione pubblica di assistenza e beneficenza, ai sensi della legge 17 luglio 1890 n. 6972 - ha acquisito personalità giuridica di diritto privato con deliberazione del Consiglio Regionale della Toscana del 18 luglio 1995 n. 281.

Essa discende storicamente dalla Compagnia di Sant’Antonio Abate e secondo la tradizione trae le sue origini ideali dalla Congregazione dei Fratelli della Misericordia dei Poveri di Cristo (o Compagnia degli Oblati), istituita alla metà del XIII secolo dal Beato Andrea Gallerani.

Il Patrono dell’Arciconfraternita è Sant’Antonio Abate, festeggiato il 17 gennaio di ogni anno.

Art. 2 - Natura - Durata - Sede

L’Arciconfraternita è una Organizzazione di volontariato di durata illimitata; ha strutture democratiche e cariche gratuite ed elettive. Essa è retta dalle leggi dello Stato, dalle norme del presente Statuto e del Regolamento generale.

Secondo l’ordinamento canonico è una Associazione di fedeli laici della Chiesa, così come indicato nei canoni 298 e seguenti e 321 e seguenti del Codice di diritto canonico.

L’Arciconfraternita ha sede legale ed amministrativa in Siena, Via del Porrione n. 49. Può avere anche sedi operative distaccate, sia nel Comune di Siena, sia in altri Comuni.

Art. 3 - Scopi

L’Arciconfraternita non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale; in particolare, ha per scopo l’esercizio delle opere di misericordia corporali e spirituali, nonché di beneficenza, che considera nel loro complesso come le fondamenta morali da trasmettere alle generazioni future.

In tale ambito, ed ispirandosi ai principi evangelici, essa provvede anche all’esecuzione di speciali disposizioni di benemeriti fondatori.

L’Arciconfraternita può promuovere ed esercitare, tutte quelle opere di umana e cristiana carità enunciate nel successivo articolo 7 del presente Statuto o suggerite, di volta in volta, dalle circostanze contingenti.

Continua a leggere lo Statuto e il Regolamento (PDF)